Contraffazione: costa all’Europa 26 miliardi di euro, all’Italia 4,5 miliardi

Secondo uno studio dell’Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno (Uami), l’agenzia europea per la proprietà intellettuale, i contraffattori di abiti, calzature e accessori sottraggono a produttori, distributori e dettaglianti della UE oltre 26 miliardi di euro di introiti l’anno.

Si tratta di una bella cifra, pari al 10% circa del sell out complessivo nei settori moda e scarpe dei 28 Paesi dell’Unione Europea.

Un danno economico che si traduce anche nella perdita di 363mila posti di lavoro, perché l’industria legittima vende meno di quanto farebbe in assenza del fenomeno della contraffazione e, di conseguenza, impiega meno lavoratori.

La ricerca ha valutato anche l’impatto indiretto di questo fenomeno. Se si tiene conto dell’effetto domino sui fornitori, le imprese accusano un calo di vendite pari a 43,3 miliardi di euro a causa dei falsi, con una perdita di circa 518mila posti di lavoro.

Visto che i produttori e i rivenditori di articoli contraffatti non pagano le tasse, i contributi previdenziali e l’Iva, si stima un’ulteriore buco di oltre 8 miliardi di euro a livello di entrate statali.

In Italia i falsi di abiti, scarpe e accessori (come cravatte, sciarpe e cinture) costa a produttori, distributori e commercianti circa 4,5 miliardi di euro e oltre 50mila posti di lavoro, che diventano 80mila considerando l’effetto indiretto.

FONTE: Il contenuto di quanto riportato sopra è di proprietà della Fashion Magazine

 

articoli correlati:

Credito d’Imposta Ricerca & Sviluppo settore Tessile Abbigliamento Calzaturiero Il Bonus Ricerca e Sviluppo 2017, ossia il Credito d’Imposta introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, è un bonus fiscale pari al 50% delle spese sostenute nel 2017 in eccedenza rispetto alla media dei costi sostenuti per i medesimi investimenti effe...
Nuovo Restyling alla collezione WePositive A/I 2016/17 Inizia nell’Anno 2016, la collaborazione professionale di design e consulenza stilistica tra lo Studio Fabrizio Fava, insieme ai professionisti del network CoolBook, e la Marini Fashion Srl per il restyling del marchio WePositive. Un restyling che...
Si fa presto a dire Scarpe! …ma quali sono i requisiti tecnici? Il settore calzaturiero offre al mercato un numero infinito di modelli nelle diverse tipologie: ciabatte, sandali, pantofole; scarpe da ginnastica, da sport e per il tempo libero; calzature classiche da uomo e da donna; calzature da donna con il tacc...
Si fa presto a dire Cuoio, Pelle e Pelletteria! …ma quali sono i requisiti tecnici? La differenza tra pelle e cuoio afferisce al processo di lavorazione a cui vengono sottoposte le pelli animali che si chiama concia. Dalla conciatura moderna della pelle otteniamo oggetti, accessori e articoli di abbigliamento diffusissimi: dai porta...
Contraffazione: costa all’Europa 26 miliardi di euro, all’Italia 4,5 miliardi ultima modifica: 2015-07-23T12:31:05+00:00 da Fabrizio Fava

Send this to friend