Il Bonus Ricerca e Sviluppo 2017, ossia il Credito d’Imposta introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, è un bonus fiscale pari al 50% delle spese sostenute nel 2017 in eccedenza rispetto alla media dei costi sostenuti per i medesimi investimenti effettuati nel triennio 2012-2014 (spesa incrementale).

Possono beneficiarne tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore in cui operano nonché dal regime contabile adottato e dalle dimensioni, che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo.

Il Credito d’Imposta per attività di Ricerca & Sviluppo svolto nel 2017 deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi, può essere utilizzato in compensazione nel modello F24 sin dai primi mesi del 2018.

Non concorre alla formazione del reddito, né della base imponibile IRAP, non cumula con il DE MINIMIS e può essere considerato per progetti per i quali si è già goduto di altri bandi/agevolazioni.

Da pochi mesi nei settori TAC (Tessile Abbigliamento Calzaturiero) ora sono considerati ammissibili al Credito di Imposta R&S le normali attività di sviluppo dei nuovi campionari stagionali (per le sole attività ideazione stilistica + realizzazione prototipi), poiché effettivamente viene riconosciuto che tali attività sono finalizzate all’introduzione di prodotti nuovi o notevolmente migliorati per il mercato, stagione dopo stagione.

In altre parole il MISE, con la FAQ del 29.09 us riconosce alle imprese del TAC che i continui investimenti per lo sviluppo delle collezioni, ovvero per l’introduzione di prodotti nuovi o notevolmente migliorati per il mercato, sono ammissibili a godere del beneficio del credito d’imposta  per attività di ricerca e sviluppo afferenti alle fasi:

a) “ricerca ed ideazione estetica”;

b) “realizzazione dei prototipi”.


Informazioni e contatti:
studio botta

Studio Botta & Associati Srl – Via Mascagni, 70 – 62015 Monte San Giusto (Mc)
Tel. +39 0733 837524 / Fax +39 0733 838210 – info@studiobotta.it / www.studiobotta.it

articoli correlati:

Si fa presto a dire Tessile e Abbigliamento! …ma quali sono i requisiti tecnici? Da sempre l’acquisto e l’uso di indumenti e articoli tessili è stato associato oltre che alla necessità di soddisfare un bisogno materiale di protezione anche a motivazioni che si trovano nella sfera simbolica dell’uomo, legate cioè al desiderio di a...
Cos’è una norma tecnica? Una norma tecnica è semplicemente un documento che dice "come fare bene le cose", garantendo sicurezza, rispetto per l'ambiente e prestazioni certe. Secondo il Regolamento UE 1025 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2012 sulla norm...
Cos’è la Qualità? Questa voce riguarda la qualità nell'accezione più usata, essenzialmente nell'ambito dell'ingegneria, dell'economia e della produzione, quando ci si riferisce ad un bene, materiale o immateriale, che viene prodotto per un determinato utilizzo. In ge...
Contraffazione: costa all’Europa 26 miliardi di euro, all’Italia 4,5 miliardi Secondo uno studio dell’Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno (Uami), l’agenzia europea per la proprietà intellettuale, i contraffattori di abiti, calzature e accessori sottraggono a produttori, distributori e dettaglianti della UE oltre 2...

Pubblicato da Fabrizio Fava

Fabrizio Fava, oltre ad essere stilista designer del fashion system con specializzazione nella costruzione del Brand – Marchio, creazione e gestione dell’immagine aziendale e del prodotto, possiede una conoscenza trasversale e polivalente nella costruzione del prodotto moda. Vanta del riconoscimento di tecnico esperto dall’Ente Camerale di Macerata e con equivalenza dal Tribunale dove è iscritto come CTU e dalla Procura della Repubblica di Macerata come Perito. In ambito giudiziario apporta la propria consulenza tecnica legale per le categorie Tessili e Filiere, Abbigliamento in genere, Maglieria, Calzature, Pelletterie, Accessori Moda, Attività di Comunicazione Pubblicitaria e Proprietà Industriale (contraffazioni).

Lascia un commento