Costruire un Sistema di Gestione Qualità (SGQ)

La SGQ è sostanzialmente un sinonimo molto utilizzato per identificare, nell’ambito di un’impresa industriale, il comparto delegato a gestire la qualità dei prodotti realizzati, cioè a mettere in atto tutti quei sistemi, quelle azioni ed iniziative che consentono di definire e tenere sotto controllo gli standard qualitativi richiesti dalla direzione aziendale.

La gestione della qualità è l’insieme di tutte le attività realizzate all’interno di una realtà produttiva e dal personale impegnato al conseguimento degli obiettivi della politica della qualità.


LE DINAMICHE MODERNE DI COSTRUIRE UN SGQ

Cambiare in un’ottica di Qualità

Implementare un Sistema di Gestione della Qualità, significa implementare un cambiamento.

Tutto cambia, da sempre. Il cambiamento è alla base del progresso dell’umanità. L’unica cosa che non cambia è la capacità delle persone di adattarsi ai cambiamenti in tempi brevi.

Cambiare non è facile e le persone non lo fanno facilmente. Spesso si preferisce continuare a gestire qualcosa di poco logico ma conosciuto, piuttosto che qualcosa di ancora sconosciuto. Sono poche le persone che percepiscono il cambiamento come una possibilità per apprendere cose nuove, per aprire nuove strade. Sono poche, dunque, le persone che vedranno di buon occhio l’introduzione di qualcosa di nuovo nella quotidianità del loro lavoro.

Le dinamiche moderne, costringono le organizzazioni a cambiare per non rimanere ai margini del mercato. Il loro successo è dato dal prodotto del coraggio che hanno di cambiare per la velocità con la quale sanno affrontare il cambiamento.

Nella fase di introduzione del nostro Sistema Qualità è importante:

  • spiegare perché è necessario cambiare;
  • riuscire a comunicare il desiderio di migliorare il modo di lavorare, di aggiungere valore alle attività svolte;
  • fornire una vision comune;
  • fornire certezze;
  • spiegare che le cose che funzionano davvero resteranno immutate;
  • spiegare che i cambiamenti ci aiuteranno a lavorare meglio, non peggio;
  • fare in modo che il primo a cambiare, dando il buon esempio, sia il top management;
  • motivare le persone, individuando anche le barriere al cambiamento;
  • individuare i potenziali provocatori di cambiamento, le persone, cioè, più propense a seguire strade nuove e capaci di trascinare, col loro entusiasmo, gli altri;
  • non promettere nulla che non possa essere mantenuto;
  • fornire tutte le risorse necessarie a supportare il cambiamento;
  • fornire la formazione necessaria;
  • gestire e guidare il cambiamento facendo in modo che le cose cambino come vogliamo.

Le fasi del cambiamento che seguiranno, se avremo lavorato bene, passeranno attraverso alcune reazioni emozionali ed intellettuali ben identificate che si possono così riassumere:

  • rifiuto: proprio perché le persone non amano cambiare e, spesso, lo fanno solo se costrette, questa è la fase in cui occorre spiegare chiaramente le ragioni che portano alla necessità di cambiare. E’ la fase dormiente nella quale si cerca di impostare il minimo indispensabile per sopperire alle richieste. Eventuali iniziative di miglioramento sono promosse spontaneamente solo da pochi in un contesto privo di chiare indicazioni da parte del management. Gli obiettivi sono per lo più di breve periodo e orientati al prodotto;
  • resistenza: la resistenza al cambiamento può essere attuata in maniera attiva o in maniera passiva, cioè restando indifferenti o accettando il cambiamento solo in apparenza. In questa fase bisogna avere la pazienza di ascoltare le perplessità di tutti e la capacità di convincere le persone. Davanti alle dichiarazioni di intenti e ai grandi progetti relativi alla qualità, molti reagiscono arroccandosi sulle proprie posizioni;
  • esplorazione: in questa fase occorre mantenere alta l’attenzione, incoraggiare le persone;
  • impegno: questa è la fase in cui le persone accettano i cambiamenti e si impegnano nel portarli avanti. E’ la fase del miglioramento continuo. La Direzione sostiene in prima persona i programmi di sviluppo della qualità e l’attenzione è puntata sulla soddisfazione dei clienti.
Fonte Articolo: www.qualitiamo.com

articoli correlati:

Si fa presto a dire Scarpe! …ma quali sono i requisiti tecnici? Il settore calzaturiero offre al mercato un numero infinito di modelli nelle diverse tipologie: ciabatte, sandali, pantofole; scarpe da ginnastica, da sport e per il tempo libero; calzature classiche da uomo e da donna; calzature da donna con il tacc...
Cos’è la Qualità? Questa voce riguarda la qualità nell'accezione più usata, essenzialmente nell'ambito dell'ingegneria, dell'economia e della produzione, quando ci si riferisce ad un bene, materiale o immateriale, che viene prodotto per un determinato utilizzo. In ge...
Credito d’Imposta Ricerca & Sviluppo settore Tessile Abbigliamento Calzaturiero Il Bonus Ricerca e Sviluppo 2017, ossia il Credito d’Imposta introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, è un bonus fiscale pari al 50% delle spese sostenute nel 2017 in eccedenza rispetto alla media dei costi sostenuti per i medesimi investimenti effe...
Si fa presto a dire Cuoio, Pelle e Pelletteria! …ma quali sono i requisiti tecnici? La differenza tra pelle e cuoio afferisce al processo di lavorazione a cui vengono sottoposte le pelli animali che si chiama concia. Dalla conciatura moderna della pelle otteniamo oggetti, accessori e articoli di abbigliamento diffusissimi: dai porta...
Costruire un Sistema di Gestione Qualità (SGQ) ultima modifica: 2015-11-04T00:29:54+00:00 da Fabrizio Fava

Send this to friend